Impegno etico

Siamo in un mondo in cui molti sono ancora disposti a vendere la propria cono- scenza e il proprio sapere per qualsiasi fine. Questo ha portato a coprire il nostro pianeta con macchine di morte. Altri hanno utilizzato il proprio ingegno per inventare mezzi al fine di manipolare, zittire e addormentare la coscienza della gente.
Ma esistono anche, in diverse latitudini, donne e uomini che utilizzano la Scienza e la Conoscenza per superare la miseria, la fame, il dolore e la sofferenza, per dar voce e fiducia agli oppressi.
Oggi, agli inizi del terzo millennio, la sopravvivenza dell’Umanità è minacciata e sulla nostra Terra incombe un incubo di violenza, guerra ed ecatombe nucleare.
Per questo, esprimiamo oggi il nostro impegno di utilizzare le conoscenze solo per il be- nessere e lo sviluppo dell’essere umano.

Scelgo e mi impegno a dare impulso allo sviluppo della conoscenza al di sopra di quanto viene accettato come verità assoluta.
Mi impegno ad applicare tale conoscenza solo al benessere dell’essere umano, per il superamento del dolore e della sofferenza.

La buona conoscenza porta alla giustizia. La buona conoscenza porta alla riconciliazione. La buona conoscenza porta, inoltre, a svelare il sacro nella profondità della coscienza.
Lanciamo un appello da questo luogo a tutte le università, scuole, istituti di ricerca, organizzazioni sociali e culturali, affinché si istituisca questo impegno etico, in modo da ottenere che la conoscenza venga utilizzata solo per vincere il dolore e la sofferenza, per umanizzare la Terra.




Ċ
Matteo Papadopoulos,
07 apr 2010, 14:38
Comments